√ jovanotti lorenzo jova beach party estate 2019 spiagge | News

Una giornata di musica in spiaggia. Non un concerto tradizionale e nemmeno un dj set, ma un villaggio grande come tre campi di calcio allestito nelle più popolari spiagge italiane. Una cittadina piena di servizi e intrattenimento, ma anche un’idea di mondo. Jovanotti ha presentato oggi a Milano Jova Beach Party, un format inedito, una sorta di festival itinerante che nell’estate del 2019 occuperà 15 spiagge italiane (in realtà, 14 spiagge e un’area a quasi 2300 metri di altitudine). La cittadella della musica debutterà il 6 luglio a Lignano Sabbiadoro per poi trasferirsi a Rimini (10 luglio), Castel Volturno (13 luglio), Ladispoli (16 luglio), Barletta (20 luglio), Olbia (23 luglio), Albenga (27 luglio), Viareggio (30 luglio), Lido di Fermo (3 agosto), Praia a Mare (7 agosto), Roccella Jonica (10 agosto), Vasto (17 agosto), Plan De Corones (nelle Dolomiti, 24 agosto). Al calendario si aggiungeranno due tappe, in Basilicata (13 agosto) e nell’area dell’Adriatico settentrionale (20 agosto). Non ci sarà alcun doppio spettacolo. I biglietti verranno messi in vendita dalle 10 di domani, prezzo 52 euro. I bambini sotto gli 8 anni d’età entreranno gratuitamente.

Lorenzo è apparso nei locali dell’Area Pergolesi, a Milano, accompagnato dall’audio della diretta dello sbarco sulla Luna del luglio 1969. “È il mio primo ricordo, ero a Roma con la famiglia davanti alla tv. Quell’evento ha influito tantissimo sulla mia vita, mi ha messo una curiosità pazzesca per il mondo”. Sullo schermo appaiono immagini di Woodstock ’69. “L’estate prossima si festeggeranno i 50 anni di entrambi gli eventi. Che sono diversissimi, ma si somigliano perché ci parlano del desiderio di andare oltre i confini ed espandere la conoscenza”. Le immagini cambiano, appaiono prima una foto della Terra vista della Luna e poi una puntata di “Giochi senza frontiere”. “Sono immagini che ispirano fratellanza e ci parlano di un’epoca in cui l’idea di Europa cresceva dentro di noi. Poi questo immaginario è andato in crisi, ma dentro di me lo sento ancora forte proprio perché viviamo in un contesto difficile”.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/h9uNE1n9dVg8B8OrdI3TUAZ6Ux0=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/2-2.jpg

E così, con in testa l’idea che la Luna sia “la spiaggia dell’universo” e che “in spiaggia di possono fare tante cose: è partenza, arrivo, orizzonte, avventura, contemplazione, divertimento, vacanza, incontro, festa, ballo”, il cantante ha ideato il Jova Beach Party. “È un format nuovo, una figata pazzesca, la cosa più bella che abbia mai fatto. L’idea mi è venuta quando ho fatto il Jova Pop Shop. È più di un concerto, più di un festival, più di un dj set. È una giornata intera, dalle 16 fino a notte fonda, fatta di musica, gruppi ospiti, il mio dj set con la band. Ci saranno vari palchi, ristoranti, bar, giochi, un’area bimbi e il mare sarà accessibile. Sarà diverso ogni sera, gli ospiti li annunceremo all’ultimo momento. E grazie ai sindaci locali, potrò celebrare matrimoni. Vi volete sposare? Fatevi avanti”.

Jovanotti farà incursioni durante i concerti degli ospiti e naturalmente terrà un suo spettacolo serale. “Sarà un dj set in senso ampio, sarà una cerimonia in senso africano. Metterò su il mio repertorio e anche quello degli altri. Grazie alla tecnologia, con la mia consolle interagirò in diretta con la mia band, la suonerò come se fosse un disco. Suoneremo di tutto, dalla disco alla trap al funk alla house. Creerò un’onda emotiva traverso la musica”. Ci saranno nuove canzoni, un nuovo album? “Ultimamente ho scritto un sacco, ma non è previsto che la faccia uscire. Forse sì forse no”.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/iSscnVsKLt-fEDydfby9yjvQMgs=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/spiaggia-jova.jpg

Prodotto da Trident, l’allestimento è più costoso di uno show in uno stado. Il villaggio sarà lungo 300 metri e largo 100 metri. Comprenderà un tratto di mare perimetrato in cui si potrà fare il bagno, con un’area di rispetto di 150 metri controllata dalla Guardia costiera. “L’idea è lasciare spiaggia meglio di come l’abbiamo trovata. Per farlo, stiamo collaborando con il WWF, avremo una app che offrirà informazioni pratiche anche legate all’aspetto ecologico, useremo molti materiali di recupero”. Per motivi di sicurezza, l’area sarà sempre illuminata e una regia live renderà il pubblico parte integrante dell’evento. “È uno sbarco sulla spiaggia, è una città indipendente, è una nuova Luna, è uno stato libero. Sono 35 anni che faccio il dj e 30 che faccio dischi. Finalmente posso dirvi: l’estate prossima vi porto nel vero ombelico del mondo”.

https://cdnrockol-rockolcomsrl.netdna-ssl.com/R4y4-V7n_MdZc7B1pMvmFgzhq_8=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/portale.jpg

>> Clicca qui per visualizzare l’articolo originale


Lascia un commento

Translate »